Il caso Massimo Castagnini

public/image/luigicama/889.jpg

<< Precedente Successivo >>

Nel 1992 il figlio della Sig.ra Carla Castagnini di Modena, Massimo, passa per così dire - a miglior vita – dopo un incidente stradale. Nel 1993, un anno dopo, in occasione dell’anniversario, gli amici che suonavano con Lui in un complesso musicale, organizzano una festa per ricordarlo. In questa occasione la madre effettua alcuni scatti fotografici riprendendo i compagni di Massimo nelle loro performance. Ad un certo punto la macchina fotografica automatica si inceppa, il rullino non va più avanti! La macchina viene successivamente portata in un normale laboratorio fotografico nella quale si provvede ad estrarre il rullino in camera oscura. Sviluppate le poche fotografie effettuate quella sera, con grande sorpresa la madre ed alcuni amici di famiglia, notano come l’ultima fotografia nel negativo, corrispondente alla copia su carta fotografica, è stranamente affetta da una serie di strie luminose e mostra al centro un’immagine un po’ sfuocata e semitrasparente di una sagoma umana (fig. n°2) che viene attribuita immediatamente a Massimo (figlio defunto di Carla)! Nel 1999, quando conobbi il caso e la Sig.ra Carla Castagnini che mi aveva richiesto una consulenza su quella fotografia, effettuai alcune misurazioni di accertamento sulla stessa di carattere spettrocromatografico e densitometrico che peraltro non evidenziò nessun tipo di contraffazione accidentale o voluta, e iniziai un’indagine di tipo antropometrico analizzando il volto di quella fotografia e comparandola con una reale fotografia di Massimo ( fig. n°3). A quell’epoca le misurazioni che avevo ricavato dai rapporti distanziometrici dei due volti a confronto su 12 punti antropometrici, in modo manuale, mi avevano convinto sulla reale possibilità che si trattasse dello stesso individuo (fig. n°4). Più tardi, un paio d’anni dopo, essendo entrato in possesso di una tecnologia molto più sofisticata (utilizzata anche dalle forze dell’ordine statunitensi), ho trovato la conferma delle misurazioni che avevo effettuato e soprattutto, dell’identità delle due immagini riconosciute entrambe appartenenti a Massimo Castagnini. (Daniele Gullà) Qui trovate ulteriori info: http://www.coscienz



Immagini (vedi tutte)






Utenti online 17/04/2014

Caricamento utenti online ...


Ultimi 10 iscritti su 803





 

Il Fondatore di Metavisione.it


Luigi Cama. Ricercatore Fenomeni Paranormali.

Luigi Cama. Ricercatore Fenomeni Paranormali.

Il mio rapporto con i fenomeni paranormali nasce molto presto, verso i sette anni. Storie di famiglia che raccontano di sedute spiritiche, apparizioni, oggetti che volano da una stanza all’altra e i miei parenti, molto religiosi, che attribuiscono alle entità, o presunte tali, un’origine divina ed un potere che non deve essere discusso. Nel tempo sono cresciuto con un certo distacco da questi fenomeni, vivendoli serenamente come la manifestazione di una parte dell’esistenza che non conosciamo. Niente di divino, nessuna dipendenza vitale, solo una gran voglia di conoscere l’ignoto. Questo atteggiamento aperto a tutte le possibilità, ha probabilmente favorito una serie di situazioni che mi hanno offerto l’opportunità di “toccare con mano” questa realtà. Nel 1994, infatti, sono letteralmente esplose esperienze significative, incontri casuali con persone dotate di facoltà medianiche e strane... Vai al Blog

 
 

E' un progetto del Centro Studi Quanticamente

Associazione Culturale registrata presso l'Agenzia delle Entrate

il 18 Ottobre 2010 con il Codice Fiscale 03117970834

I siti del network

www.metavisione.it

www.luigicama.it

 

www.facebook.com/luigi.cama

www.youtube.it/luigicama

www.youtube.com/metavisione